seo-tips

Come ottimizzare SEO un sito web: 8 consigli da agenzia SEO

Per raggiungere obiettivi ambiziosi, qualsiasi sito web merita un monitoraggio e un’attenzione costanti. Ci sono molti motivi per aggiornare e ottimizzare il vostro sito web: evoluzione dei contenuti, nuova offerta, nuove parole chiave e opportunità di ricerca, design, necessità di manutenzione del sito. Sebbene la riprogettazione di un sito web possa risolvere molti problemi importanti, è sempre possibile migliorare le prestazioni senza dover riprogettare un intero sito.

 L’ottimizzazione del sito fa parte di una strategia di sviluppo basata sulle vostre aspettative e sulle esigenze del vostro sito. In qualità di agenzia SEO, da Ranking Road Italia vi forniamo qui alcuni spunti per ottimizzare il vostro sito web e per ottimizzare le vostre prestazioni web.

 

 Un sito web che soddisfi i più recenti criteri di ottimizzazione e posizionamento è essenziale per ottenere un posto su Google. Sapendo che Google aggiorna i suoi algoritmi diverse migliaia di volte all’anno, è essenziale seguire questi sviluppi per evitare di rimanere indietro. La questione della riprogettazione del vostro sito web non deve basarsi esclusivamente sul rispetto dei criteri di Google, poiché in genere non è necessaria una riprogettazione completa se il vostro sito ha una base ben costruita. Ecco alcuni motivi per avviare una riprogettazione:

  • Adottare un design più accattivante per migliorare l’esperienza dell’utente
  • Ottimizzare l’usabilità del sito e facilitarne la navigazione
  • Migliorare la visibilità ottimizzando il sito
  • Aggiungere nuove funzionalità per soddisfare le esigenze degli utenti di Internet.
  • Modernizzare il codice e ottimizzare le prestazioni del sito
  • Assumere uno specialista affidabile per l’ottimizzazione dei motori di ricerca o un’agenzia SEO può essere difficile. Molti liberi professionisti e agenzie affermano di essere esperti, ma si affidano a pratiche e strumenti obsoleti che non producono risultati nel mercato competitivo e avanzato di oggi. 

 La sfida principale di una riprogettazione di un sito web è in tutti i casi quella di fare meglio di prima, cosa che non sempre avviene. In effetti, non è raro vedere le statistiche crollare dopo la messa online di un sito, con una perdita di traffico che può variare dal 30% al 70%. In Ranking Road Italia abbiamo sentito parlare molto di esperienze simili, di riprogettazioni di siti web finite in un disastro. Ed è sempre più difficile cogliere un errore che prevenirlo. Per questo motivo, vi forniremo alcuni elementi da tenere in considerazione nella riprogettazione del vostro sito web.

Che cos’è l’ottimizzazione del sito web?

L’ottimizzazione del sito web è l’uso di strumenti, leve, strategie personalizzate ed esperimenti per migliorare le prestazioni del vostro sito web, generare più traffico, aumentare le conversioni e incrementare le entrate o la redditività. L’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) è uno degli aspetti più critici del processo di ottimizzazione di un sito web. Questa tecnica mira a garantire che le pagine del vostro sito web si posizionino bene nelle pagine dei risultati per parole chiave specifiche. Inoltre, la SEO consente ai potenziali clienti di trovare il vostro marchio nel modo più semplice e naturale possibile. L’altro aspetto critico è l’ottimizzazione della pagina stessa.

 Questa attività garantisce che i potenziali clienti che approdano sul vostro sito web ricevano la migliore esperienza d’uso, incoraggiandoli a compiere l’azione desiderata e a diventare potenziali clienti. Quindi, ottimizzando il vostro sito web, non solo potete attingere a un mercato non sfruttato nel modo più efficace ed efficiente (senza pagare la pubblicità), ma potete anche aprire le porte a maggiori conversioni e guadagni. Sebbene la SEO sia una parte essenziale dell’ottimizzazione di un sito web, è solo una parte dell’ottimizzazione di un sito web.

Perché la SEO è così importante?

Quando ci si chiede come migliorare il proprio sito web, la prima cosa che dovrebbe venire in mente è la SEO. Tutti vogliamo un sito web che si posizioni bene e che generi traffico, che generi conversioni e che ci aiuti a guadagnare di più. Questo è il sogno, giusto? Ebbene, questo sogno inizia con un sito web correttamente ottimizzato per i motori di ricerca. Se pensiamo a qualche anno fa, ricorderemo un’epoca in cui chiunque poteva acquistare un dominio, creare un sito web e aspettarsi di ricevere traffico. Ora il web è invaso da siti, informazioni e concorrenti, in (quasi) tutti i mercati. Pertanto, è necessario essere più strategici riguardo al tipo di sito creato, al mercato in cui ci si trova e al modo in cui si intende distinguersi all’interno di tale mercato. La maniera migliore è certamente ottimizzare accuratamente il sito, in modo che gli algoritmi di Google lo mettano in evidenza per il pubblico di riferimento.

Come ottimizzare un sito web?

 Ci sono molti modi per ottimizzare le conversioni e la SEO allo stesso tempo. È necessario innanzitutto sapere come funzionano insieme per creare un sito web più snello, più visibile e più performante.  L’altro aspetto critico è l’ottimizzazione della pagina stessa. Questa operazione garantisce che i potenziali clienti che approdano sul vostro sito web ricevano la migliore esperienza d’uso, che li porta a compiere l’azione desiderata e a diventare potenziali clienti. Quindi, ottimizzando il vostro sito web, non solo potete attingere a un mercato non sfruttato nel modo più efficace (senza pagare la pubblicità), ma potete anche aprire le porte a maggiori conversioni e guadagni. Sebbene la SEO sia una parte essenziale dell’ottimizzazione di un sito web, è solo una parte dell’intero processo.

1. Rivolgetevi al pubblico giusto con il vostro sito

L’ottimizzazione del sito richiede soprattutto di sapersi rivolgere al pubblico giusto. Infatti, il vostro sito integra i contenuti che devono soddisfare le aspettative degli utenti di Internet, dei vostri potenziali clienti e di quelli attuali. Tornate alle basi e al funzionamento di Google. In realtà, i vostri obiettivi e quelli di Google sono gli stessi: 

  • Fornire il miglior contenuto possibile al vostro pubblico 
  • Creare un’esperienza positiva per l’utente del sito web 
  • Privilegiare i contenuti che aggiungono un valore significativo 

Lo si fa solo in modi diversi. Google analizza milioni di siti web, mentre voi analizzate i comportamenti del vostro pubblico specifico. Google utilizza oltre 200 segnali di ranking per decidere quali contenuti appaiono nella prima pagina dei risultati del motore di ricerca. L’algoritmo presta particolare attenzione ai segnali che indicano che una specifica pagina web sta fornendo agli utenti le informazioni che stanno cercando. 

  • Quando ci si concentra sulla SEO, si scelgono parole chiave semantiche primarie e latenti legate all’intento di ricerca. Scrivete contenuti che le persone amano leggere e assicuratevi di fornire metadati per aiutare Google a comprenderne meglio il significato.
  • Se si ottimizza il sito web per le conversioni, ci si concentra sull’indirizzare i visitatori verso un obiettivo specifico, che sia l’iscrizione a una newsletter, la vendita di prodotti o la prenotazione di un appuntamento. Proprio come Google, volete dare al vostro pubblico esattamente ciò che i consumatori desiderano. 
  • Sapere come ottimizzare il proprio sito web per la SEO e le conversioni favorisce entrambi questi obiettivi contemporaneamente e crea un rapporto migliore tra il sito e i motori di ricerca. 

2. Effettuare la ricerca delle parole chiave

Il prerequisito per un’ottimizzazione di successo del sito web è una ricerca completa delle parole chiave per indirizzare le giuste query e far coincidere la vostra strategia digitale con le opportunità del mercato. È necessario avere una comprensione completa del panorama di ricerca e delle parole chiave all’interno di esso. Gli strumenti per la ricerca di parole chiave non mancano. Tuttavia, trovare quello giusto è molto complesso e bisogna poi saper sfruttare al meglio le sue potenzialità. In concreto, uno strumento di ricerca per parole chiave consente di elencare tutti i termini di ricerca, i volumi di ricerca e la concorrenza su queste parole chiave. Oltre a questi tre criteri, è essenziale aggiungere la rilevanza della parola chiave per i vostri obiettivi. La valutazione dei quattro criteri vi permetterà di dare priorità alle parole chiave strategiche e di sapere su quali pagine lavorare per prime. 

3. Scrivere contenuti lunghi, ricchi e variegati

Anni fa, si poteva scegliere una parola chiave dal nulla, scrivere un articolo di 300 parole e classificarsi per essa il giorno dopo. La SEO non funziona più così. Dovete lavorare sul contenuto delle vostre pagine e soddisfare l’intento di ricerca. Cosa si aspettano le persone da un sito quando si posiziona per quella determinata parola chiave?  Per migliorare il contenuto delle pagine in modo da ottenere riferimenti naturali è necessaria l’ottimizzazione semantica. Il SEO copywriting deve anche soddisfare i requisiti di Google: tag h1, placement, title, meta-description… 
 
Ovviamente, questo è sufficiente per posizionarsi se si riesce a trovare il discorso giusto e a offrire contenuti di qualità. Per raggiungere la prima pagina con i contenuti del vostro sito web, dovete anche assicurarvi di produrre contenuti sufficientemente ricchi e lunghi da coprire l’argomento e soddisfare le aspettative degli utenti di Internet. Sebbene alcuni studi dimostrino che la lunghezza ideale per un blog è di 1.600 parole, ciò dipende in larga misura dalla parola chiave e dall’intento di ricerca. Prima di decidere la lunghezza ottimale dei vostri contenuti, fate una ricerca per la vostra parola chiave principale su Google e guardate i primi 10 risultati nelle pagine dei risultati. Alcune di queste pagine sono più lunghe di 1.600 parole? Allora anche il vostro dovrebbe esserlo. La lunghezza non è tutto. Tuttavia, invia a Google il segnale che l’utente sta fornendo maggiori informazioni. Se molte persone trascorrono molto tempo su quella pagina, leggendola fino alla fine, è più probabile che il vostro posizionamento sia più alto. 

4. Aumentare l’autorità del vostro sito web con i backlink

Un backlink, ovvero un link da un altro dominio verso il vostro sito web, è uno dei segnali più importanti per Google che il vostro contenuto è autorevole. L’idea è semplice. Poiché altre persone sono disposte a mettere in evidenza i vostri contenuti, questi devono essere eccellenti, in modo che Google carpisca questo segnale. Questo è uno dei fattori di ranking SEO più importanti. Inoltre, i link aiutano a ottenere visitatori che sono rassicurati da una fonte affidabile esterna alla vostra. 
 

Come creare contenuti degni di link

 
Trovate e contattate persone con siti/outlet rilevanti che potrebbero condividere i vostri contenuti. Investite tempo e denaro per creare contenuti più aggiornati e di qualità superiore e contattate i proprietari dei siti che hanno linkato articoli originali datati o mancanti. Variare i formati aiuta anche a ottenere più backlink e domini di riferimento. Per questo, puntate su video, illustrazioni, infografiche e casi di studio. Si tratta di magneti di link molto efficaci. Altri autori di contenuti web utilizzeranno statistiche e casi di studio per sostenere le loro argomentazioni. Pertanto, uno dei modi migliori per ottenere link è quello di fare ricerche originali, pubblicare formati di alto valore, dati di utenti/aziende o un caso di studio. Potete anche riutilizzare ricerche recenti meno conosciute per creare infografiche che evidenzino i risultati e rendano i dati più facilmente comprensibili. 
 
 5. Comprendere l’intento della ricerca
 
Scrivere “grandi contenuti” e ottimizzarli è solo l’inizio del posizionamento delle parole chiave. Con il progredire dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento, gli algoritmi di Google stanno diventando sempre più sofisticati, consentendo al motore di ricerca di valutare se i contenuti soddisfano l’intento della ricerca. Questo rende la ricerca e la selezione delle parole chiave più importante che mai. Prima di spendere tempo e risorse per cercare di classificare una query, dovreste osservare i siti web già classificati. A meno che il vostro sito web e le vostre pagine di destinazione non siano simili a quelli che vengono classificati, è probabile che il vostro sito non si classifichi.
 
6. Migliorare la velocità di caricamento del sito
 

La velocità di caricamento della pagina è il tempo necessario alla pagina per visualizzare completamente il contenuto. La velocità di caricamento della pagina è un passo importante per ottimizzare il vostro sito web. I motivi sono i seguenti: 

  • È un fattore chiave per migliorare il coinvolgimento dei visitatori
  • Si tratta di un fattore di ranking SEO che tende a crescere nell’era del Web Core Vitals  
  • Inoltre, influisce sulle classifiche SEO riducendo la frequenza di rimbalzo e il tempo di permanenza
  • Tempi di caricamento più elevati riducono il tasso di conversione del sito web

Google sta iniziando a penalizzare i siti web lenti. È necessario assicurarsi che la propria pagina sia sempre aggiornata. Fortunatamente esiste uno strumento che permette di farlo. Google Speed Insights non solo vi dirà se la vostra pagina è lenta, ma vi darà suggerimenti su come velocizzarla. È importante farlo regolarmente e seguire le raccomandazioni. Le attività che svolgete sul vostro sito web (pubblicazione di nuovi contenuti, nuovi prodotti o nuove pagine…) possono rallentare il vostro sito. Ma qual è la velocità di caricamento della pagina ideale? Secondo l’esperto di Google Webmaster Maile Ohye, la soglia accettabile è di circa 2 secondi. Secondo SEMRush, se il vostro sito web si carica in 2,9 secondi, è più veloce di circa il 50% del web. Quindi, come posso ridurre la velocità di caricamento del mio sito per ottimizzarlo? Ecco alcuni modi per ottimizzare il tempo di caricamento delle pagine: 

  • Utilizzare una soluzione di hosting più efficiente 
  • Utilizzare una rete di consegna dei contenuti (CDN) 
  • Riducete il numero di plugin: eliminateli se non sono necessari
  • Limitare l’uso di file CSS e JavaScript 
  • Comprimere le immagini per ridurre le dimensioni, senza compromettere la qualità 
  • Comprimere le dimensioni degli elementi javascript, HTML e CSS 
  • Limitare il numero di font

7. Ottimizzazione dell’usabilità da dispositivi mobile

Non è più sufficiente avere un sito web responsive, cioè adattabile a tutti i dispositivi (computer, tablet, smartphone…). Per ottimizzare il vostro sito web, dovete anche concentrarvi sull’esperienza mobile del vostro sito. La maggior parte delle ricerche viene effettuata da mobile. Per questo motivo, Google è già passato all’indicizzazione mobile, che prevede l’indicizzazione e il posizionamento delle pagine mobile in primo luogo. Quindi qualsiasi problema nell’esperienza mobile può costare non solo potenziali conversioni su mobile, ma anche un fattore di blocco o penalizzazione nella SEO. Quindi risolvete i problemi evidenti che il test rivela. È inoltre opportuno testare tutte le pagine sui modelli di telefono più diffusi, per assicurarsi che si adattino correttamente a ogni dimensione dello schermo. È possibile farlo con la barra degli strumenti del dispositivo negli strumenti per sviluppatori di Chrome. Permette di visualizzare il sito web in finestre di dimensioni diverse per i dispositivi più comuni.

8. Ottimizzare l’intero percorso del cliente

Un errore comune nei test A/B e nell’ottimizzazione del tasso di conversione (CRO) è quello di concentrarsi solo su una pagina o un’area del sito. Sì, le pagine di prodotto e le landing page sono essenziali, ma non sono gli unici elementi che contribuiscono alle vendite. Ad esempio, se riusciste a ottimizzare i risultati di ricerca in modo da portare il 30% in più di persone sulle pagine dei prodotti, ciò porterebbe automaticamente a un massiccio aumento delle vendite. Ottimizzate ogni fase dell’intero percorso del cliente per ottenere i migliori risultati a lungo termine. L’analisi dei dati statistici di navigazione o gli strumenti di tracciamento come Hotjar consentono di capire come gli utenti navigano, di cosa hanno bisogno e come si sentono.

Scegli Ranking Road Italia per la tua attività online

Se sei interessato a una strategia SEO che si adatti specificamente alla tua attività, contatta Ranking Road Italia, l’agenzia SEO leader nell’aiutare le aziende che hanno bisogno di essere valorizzati sul web. Affidati ai nostri specialisti e richiedi subito uno dei nostri esperti, per iniziare immediatamente a ottenere i primi vantaggi dalla SEO.

 

Sei pronto a rendere il tuo progetto digitale competitivo e vincente?

Compila il form e verrai ricontattato da uno dei nostri esperti per rispondere alle tue domande e fornirti un preventivo gratuito.

Chiedi una consulenza

Nome(Obbligatorio)
Privacy Policy(Obbligatorio)