Migrazione SEO: un Case Study


La migrazione SEO è fondamentale per non perdere i posizionamenti acquisiti, magari dopo anni di lavoro. Vediamo insieme un caso di studio in cui i nuovi proprietari di un sito decidono di non rispettare questa prassi procedendo a una ristrutturazione totale senza effettuare una corretta migrazione delle pagine. 

Sede: Emilia Romagna. 

Settore:

  •  Servizi medicali

Periodo di riferimento:

Giugno 2020 – Giugno 2021

La situazione:

Il sito in questione veniva da anni di lavoro di SEO costante dove si era prima posizionato e poi consolidato come il principale punto di riferimento organico per i servizi offerti, posizionandosi nelle primissime posizione con tutte le parole chiave utili. Il risultato era stato ottenuto tramite:si è rivolta a noi in quanto aveva l’esigenza di:

  • Sviluppo di un sito strutturato in ottica SEO
  • Contenuti pensati per un posizionamento ottimale 
  • Strategia SEO di monitoraggio e ottimizzazione costante

Il problema:

La migrazione SEO permette a Google di non perdere di vista le pagine che ha indicizzato. Quando si rinnova un sito o dei contenuti è inevitabile perdere posizioni perché il motore di ricerca deve ricalcolare il valore delle pagine di cui inevitabilmente riconoscerà le modifiche. Non è però inevitabile: una corretta migrazione, non solo in senso strettamente tecnico, permette di ridurre al massimo il calo e di recuperare velocemente. Bisogna semplicemente predisporre il sito “nuovo” tenendo in considerazione quello “vecchio” e operare la migrazione vera e propria con gli strumenti disponibili (htaccess, php, apache, plugin, etc)

Gli effetti:

La scelta di non effettuare alcun tipo di migrazione SEO e di sostituire il sito online, ben strutturato e ricco, con un sito vetrina di poche pagine ha portato a:

  • Crollo verticale del traffico da motori di ricerca: il sito aveva decine di pagine di servizi indicizzati che, una volta sparite,  hanno generato una quantità spropositata di errori 404 (page not found) aggravando il crollo. 
  • Sparizione delle pagine di atterraggio: senza le pagine dei servizi, che a forza di restituire errore sono state dimenticate da Google, sono venuti a mancare i riferimenti per gli utenti. Di conseguenza sono rimaste solo le ricerche “brandizzate” a portare traffico al sito.  
  • Diminuzione del pubblico:  l’assenza di parole chiave “non brandizzate” implica che tutto quel pubblico che necessita i servizi offerti non ha più modo di trovare l’azienda. Questo impedisce di trovare nuovi clienti. 

Risultati

- 0 %
Calo traffico da SEO
- 0 %
Conversioni sul sito

 
 

Vediamo nel dettaglio i dati di questa debacle confrontando i risultati dal 5 al 10 giugno con paragone anno su anno dopo la messa online del nuovo sito senza migrazione SEO.

I dati

Traffico

Conversioni

Ranking Road Italia: l’agenzia SEO per il tuo business online

In Ranking Road Italia, il nostro team di esperti segue la tua attività per aiutarti a crescere in modo scalabile e sostenibile leggendo i dati e prendendo decisioni informate. 

I nostri analisti esperti di business intelligence ti aiuteranno a scoprire quali dati sono necessari per fare le scelte migliori per la tua strategia.

Sei pronto a rendere il tuo progetto digitale competitivo e vincente?

Compila il form e verrai ricontattato da uno dei nostri esperti per rispondere alle tue domande e fornirti un preventivo gratuito.

Chiedi una consulenza

Nome(Obbligatorio)
Privacy Policy(Obbligatorio)