seo

Come rifare il proprio sito in ottica SEO

Fatti trovare con la SEO

Il mondo digitale è un universo in continua evoluzione, in cui è necessario curare regolarmente il proprio sito web per non rimanere indietro rispetto alla concorrenza. I motori di ricerca costituiscono il principale canale per farsi trovare da chi cerca su internet. Se hai trascurato il tuo sito ultimamente, il restyling può diventare un ottimo motivo per ripartire con il piede giusto.

 Un sito web che soddisfi i più recenti criteri di ottimizzazione e posizionamento è essenziale per ottenere un posto su Google. Sapendo che Google aggiorna i suoi algoritmi diverse migliaia di volte all’anno, è essenziale seguire questi sviluppi per evitare di rimanere indietro. La questione della riprogettazione del vostro sito web non deve basarsi esclusivamente sul rispetto dei criteri di Google, poiché in genere non è necessaria una riprogettazione completa se il vostro sito ha una base ben costruita. Ecco alcuni motivi per avviare una riprogettazione:

  • Adottare un design più accattivante per migliorare l’esperienza dell’utente
  • Ottimizzare l’usabilità del sito e facilitarne la navigazione
  • Migliorare la visibilità ottimizzando il sito
  • Aggiungere nuove funzionalità per soddisfare le esigenze degli utenti di Internet.
  • Modernizzare il codice e ottimizzare le prestazioni del sito
  • Assumere uno specialista affidabile per l’ottimizzazione dei motori di ricerca o un’agenzia SEO può essere difficile. Molti liberi professionisti e agenzie affermano di essere esperti, ma si affidano a pratiche e strumenti obsoleti che non producono risultati nel mercato competitivo e avanzato di oggi. 

 La sfida principale di una riprogettazione di un sito web è in tutti i casi quella di fare meglio di prima, cosa che non sempre avviene. In effetti, non è raro vedere le statistiche crollare dopo la messa online di un sito, con una perdita di traffico che può variare dal 30% al 70%. In Ranking Road Italia abbiamo sentito parlare molto di esperienze simili, di riprogettazioni di siti web finite in un disastro. Ed è sempre più difficile cogliere un errore che prevenirlo. Per questo motivo, vi forniremo alcuni elementi da tenere in considerazione nella riprogettazione del vostro sito web.

Come riprogettare il proprio sito web senza perdere traffico?

Uno dei primi passi da compiere prima di iniziare la riprogettazione di un sito web è fare il punto su ciò che si ha a disposizione. Senza analizzare il posizionamento e il traffico del vostro sito prima della riprogettazione, sarà difficile determinare se state migliorando.

 Analizzate le statistiche del vostro sito web prima della riprogettazione

Per analizzare i dati del vostro sito web, sono disponibili diversi strumenti gratuiti di Google, a condizione ovviamente che li abbiate impostati in precedenza sul vostro sito web. Google Analytics consente di monitorare le statistiche del sito: fonti di traffico, pubblico, comportamento degli utenti, conversioni, ecc. E Google Search Console vi permette di avere dati sul vostro posizionamento nelle SERP (pagine dei risultati di Google), sul numero di clic e di impressioni generate nei risultati naturali, ecc. Questi due strumenti vi forniranno un ottimo database che vi permetterà di sapere se la riprogettazione del vostro sito ha avuto successo o meno dal punto di vista del traffico. Esistono altre soluzioni che possono fornire informazioni più concrete, ma in genere non sono gratuite.

Dati di Search Console

Search Console è una buona soluzione per fare il punto sul vostro posizionamento. Questo vi permetterà di prendere nota delle posizioni medie delle vostre parole chiave strategiche prima della riprogettazione. Queste parole chiave saranno semplicemente le query principali del vostro sito, quelle che traducono i vostri prodotti o servizi nel modo più concreto possibile e che definiscono realmente il vostro core business. Una volta ottenute queste parole chiave, non resta che annotare la loro posizione prima della riprogettazione. È possibile esportare queste parole chiave, le posizioni e le impressioni e non dimenticare il periodo per facilitarne la ricerca. Si ottiene così una tabella di questo tipo con i dettagli delle posizioni. Ora avete le parole chiave da monitorare durante la riprogettazione, vedremo ora quali sono i dati del sito da monitorare.

I dati di Google Analytics nel contesto di una riprogettazione

 
 Google Analytics è una miniera d’oro per il vostro sito web. Consente di raccogliere dati cruciali sul comportamento degli utenti sul vostro sito. Ciò che ci interessa in questo caso, e per analizzare solo la parte SEO, è la quota di traffico naturale: la ricerca organica. In altre parole, gli utenti di Internet che sono arrivati sul vostro sito tramite i motori di ricerca. Questi dati ci permetteranno di misurare la quota di traffico proveniente dai motori di ricerca e i diversi KPI. In termini di dati, è possibile elencare:
  • il numero di sessioni
  • il numero di utenti
  • il tasso di rimbalzo
  • durata media della sessione
  • e gli obiettivi sono raggiunti se vengono impostati correttamente in anticipo
  • Una volta raccolti questi dati, conservateli al caldo per poterli confrontare dopo il lancio!
  • Approfittate di questa riprogettazione per rivedere la vostra strategia di parole chiave

È il momento giusto per rivedere la strategia delle parole chiave. A tal fine, potete porvi le seguenti domande:

  • Il mio sito si distingue nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca su query strategiche?
  • Sono posizionato sulla prima pagina o sulla decima?
  • Quali pagine mi portano più traffico?
  • Ci sono pagine concorrenti (cannibalizzazione)?
  • Il vostro sito web non si posiziona su query rilevanti per la vostra attività? Non fatevi prendere dal panico, è il momento giusto per rivedere la vostra strategia e ripartire da una buona base! Innanzitutto, definite un elenco di parole chiave per le quali desiderate posizionarvi nelle pagine dei risultati, che serviranno a guidare l’ottimizzazione dei contenuti delle vostre diverse pagine e dei vostri tag.

Fare una ricerca sulle parole chiave

Rispettare i criteri tecnici SEO

La riprogettazione del sito web è una buona occasione per ripulirlo dal punto di vista tecnico (codice sorgente, linguaggio di scrittura). Da tempo, questi criteri sono ben noti ai professionisti della SEO e sono un punto importante se volete posizionarvi sulle vostre query strategiche. Ecco un elenco non esaustivo di criteri a cui prestare attenzione:

  • Tag del titolo
  • Tagging semantico (h1, h2, h3,…h6)
  • Collegamento interno
  • Struttura ad albero pulita
  • tag canonico
  • markup hreflang per siti disponibili in diverse lingue
  • File Sitemap
  • File Robots.txt
  • Implementazione dei collegamenti
  • Ottimizzazione delle ancore
  • Percorso a briciole di pane
  • Fate attenzione a JavaScript! (impedisce una buona visibilità del sito per i robot)
  • La versione mobile
  • Il nucleo vitale del web
  • Contenuti duplicati

Altri punti da verificare dipendono dal sito. Una cattiva riprogettazione può farvi perdere fino al 70% del vostro traffico, quindi è importante consultare degli specialisti, per evitare un dramma. 

Avete fatto la vostra ricerca di parole chiave in anticipo e avete implementato la vostra lista. Idealmente, ogni pagina dovrebbe essere ottimizzata per una specifica query (parola chiave). Evitate di ottimizzare due pagine per la stessa parola chiave: Google avrà difficoltà a scegliere quale pagina posizionare e, di conseguenza, nessuna delle vostre pagine sarà ben classificata. Il principio da seguire quando si vuole ottimizzare il proprio sito per l’ottimizzazione è una pagina per una parola chiave target.

Ottimizzate le zone calde con le vostre parole chiave strategiche

Impostazione di un file di reindirizzamento

Una volta che il nuovo sito è pronto per essere lanciato, non bisogna dimenticare l’importante fase di reindirizzamento degli URL. Questo punto viene spesso trascurato e porta rapidamente a conseguenze disastrose dopo il lancio del sito.  Per configurarli, è necessario recuperare tutti gli URL del sito che si sta riprogettando e farli coincidere con quelli del nuovo sito. Ciò consentirà a Google di collegare la vecchia pagina alla nuova versione, continuando così a classificarla nelle SERP. Esistono diversi modi per impostare un file di reindirizzamento. Su un sito realizzato con WordPress, ci sono una moltitudine di plugin che possono essere abbinati.

I reindirizzamenti saranno ancora più importanti se, nel vostro caso, cambierete il vostro nome di dominio. Tutti i vostri URL saranno interessati e rischiate di perdere molto traffico se dimenticate le pagine nel vostro piano di reindirizzamento. Senza contare che i redirect 301 reindirizzano anche le vecchie pagine con backlink, per trasmettere la loro popolarità ai vostri nuovi URL.

Installare gli strumenti di misura

Naturalmente, una volta completati tutti questi passaggi, non dimenticate di installare gli strumenti di analisi: Google Analytics e Google Search Console (se state cambiando il nome di dominio). Sarete quindi in grado di confrontare i diversi dati che avete visto all’inizio di questo articolo per valutare se la vostra riprogettazione sta andando bene o meno.

Sei pronto a rendere il tuo progetto digitale competitivo e vincente?

Compila il form e verrai ricontattato da uno dei nostri esperti per rispondere alle tue domande e fornirti un preventivo gratuito.

Chiedi una consulenza

Nome(Obbligatorio)
Privacy Policy(Obbligatorio)