intento ricerca

Intenzione di ricerca e SEO: scegli il tuo copy con cura.

La SEO è in evoluzione costante e Google lo dimostra ogni giorno con i nuovi aggiornamenti del suo algoritmo. Non è possibile fare previsioni sul posizionamento di una pagina per una query specifica che sia stabile nel tempo, e infatti c’è sempre bisogno di mantenimento. D’altra parte, se c’è un’azione che può garantirvi una buona visibilità nella SERP (pagina dei risultati dei motori di ricerca) è quella di proporre un contenuto unico che risponda all’intenzione di ricerca dell’utente di Internet. Bisogna tenere ben presente che la ricerca delle parole chiave e i volumi di ricerca non sono più sufficienti. Per essere visibili, i tuoi contenuti devono soddisfare l’intento di ricerca!

Che cos’è l’intento di ricerca SEO?

L’intento di ricerca è un concetto nato con l’avvento della ricerca nel percorso di acquisto degli utenti di Internet: tutti i settori sono interessati da questa nozione di intento di ricerca. Secondo un recente studio di Google, il 75% degli utenti di Internet trae ispirazione dalla ricerca, il 60% scopre nuovi prodotti attraverso il motore di ricerca e il 70% degli utenti americani di Internet utilizza la ricerca prima di effettuare un acquisto. Ma tutte queste ricerche hanno la stessa intenzione di acquisto? La risposta è no! Quindi non concentrate la vostra strategia di contenuti solo sulla ricerca di una conversione diretta, ma piuttosto sulla risposta all’intento di ricerca. L’intento di ricerca è il motivo per cui l’utente di Internet cerca una parola chiave o una frase (gruppo di parole chiave). Una persona può cercare una risposta a una domanda, trovare il sito ufficiale di un marchio per ottenere informazioni o cercare un prodotto specifico prima di acquistarlo. Esistono molti scenari e l’intenzione di ricerca di un utente di Internet non si ferma a un unico percorso lineare. In effetti, è possibile cercare una classifica tra diverse offerte prima di informarsi sul prodotto prescelto e poi agire. È chiaro che l’algoritmo di Google è ormai sufficientemente avanzato da comprendere l’intento di ricerca dietro una frase. Il motore di ricerca che tutti conosciamo si è trasformato in un motore di risposte, ma l’obiettivo primario di Google rimane lo stesso: suggerire i contenuti che più si avvicinano all’intento della ricerca.

Esistono 4 categorie principali di intento di ricerca, a seconda del tipo di domanda.

  • Domanda informativa

Un utente di Internet alla ricerca di informazioni tende a formulare la sua richiesta sotto forma di domanda. Dietro questa domanda, l’utente generalmente non ha idea del tipo di sito che sarà in grado di fornire una risposta, una soluzione. Potremmo citare l’esempio della query “come ottenere recensioni su Amazon”, in questo caso l’utente cerca una risposta precisa alla sua domanda.

  • Domande di navigazione

Queste ricerche sono legate ai marchi, ai prodotti o ai servizi di un’azienda. Se cerchi “Ranking Road Italia” su Google, stai effettuando un accesso diretto al sito web dell’agenzia SEO. D’altra parte, ed è qui che l’associazione tra le parole chiave è molto importante, se un utente di Internet cerca “Ranking Road Italia servizi”, sta passando a una richiesta di tipo commerciale.

  • Domanda commerciale

La ricerca commerciale viene spesso effettuata prima di effettuare una transazione. L’utente di Internet cerca informazioni e vuole essere sicuro della scelta del prodotto prima di effettuare un acquisto. Se l’utente cerca “migliore agenzia Seo”, è perché desidera ottenere una tabella comparativa e una classifica delle agenzie.

  • Query transazionale

Come indica il nome, la ricerca transazionale è destinata a portare a un acquisto. Se l’utente di Internet cerca “agenzia SEO Parma” nel motore di ricerca, è perché è già propenso a rivolgersi a un’agenzia. Infatti, l’aspetto locale della query ci dice che l’utente è già in procinto di sollecitare l’azienda e quindi di effettuare una transazione.

Abbiamo analizzato nel dettaglio le 4 principali intenzioni di ricerca degli utenti di Internet a livello teorico. In pratica, per andare oltre, scopriremo come individuarli utilizzando strumenti e trucchi.

Come trovare l’intenzione di ricerca SEO?

Esistono diversi metodi complementari per scoprire l’intenzione dell’utente dietro una parola chiave o un’espressione nella long tail. Per scoprirlo, dovrai innanzitutto prendere il posto dell’utente di Internet ed effettuare una ricerca nel motore. Scoprirai rapidamente i risultati e capirai abbastanza facilmente l’intenzione di ricerca compresa e prevista dall’algoritmo di Google. Potrai anche utilizzare gli strumenti SEO per trovare parole chiave a cui forse non avevi ancora pensato

Usare Google per scoprire l’intento di ricerca SEO

La semplice visualizzazione dei risultati di ricerca è talvolta sufficiente per scoprire l’intento di ricerca associato a una query. Il modo in cui è organizzata la SERP è spesso opera dell’algoritmo che ottimizza la struttura della pagina dei risultati. I primi risultati sono quelli che corrispondono maggiormente all’intento della ricerca. Ad esempio, per la query “Amazon SEO agency”, Google decide di mettere in evidenza le agenzie digitali che offrono questo tipo di servizio. D’altra parte, per la query “seo agency”, osserviamo che Google preferisce mettere in evidenza i risultati locali provenienti dalle pagine Google My Business. Per una query ampia come “SEO”, Google decide di dare visibilità al sito di Wikipedia con un estratto della definizione di natural referencing. Possiamo anche vedere un inserto con diverse domande che gli utenti di Internet pongono su questo stesso argomento. E’ facile dedurre che l’intenzione di ricerca per il termine “SEO” è informativa. Il motore di ricerca non esita ad arricchire i risultati con altre domande che possono ampliare il campo di conoscenza dell’utente. Questa prima fase di analisi è essenziale per capire e cogliere l’intento di ricerca dietro una query.

Strumenti SEO per trovare l’intento di ricerca

Esistono strumenti per risparmiare tempo e per comprendere meglio l’intenzione di ricerca su una determinata query. Potremmo citare Answer the Public, che consente di cogliere le esigenze degli utenti di Internet. Questo strumento molto pratico ti darà idee per la creazione di contenuti come parte della vostra strategia SEO. Lo strumento consente di scaricare tutte le query degli utenti di Internet sotto forma di file CSV (foglio di calcolo) o PNG (immagine). Meno conosciuto, ma altrettanto potente, lo strumento Also Asked, vi permetterà di ottenere una struttura ad albero dettagliata di tutte le domande (People Also Ask, da cui il nome dello strumento) che gli utenti di Internet pongono. 

Usa Excel o similari per raggruppare le parole chiave SEO

Il foglio di calcolo è uno strumento indispensabile. Il metodo che ti presentiamo ti permetterà in pochi clic di trovare l’intenzione di ricerca che si nasconde dietro un gruppo di parole chiave e quindi di espressioni della long tail. Innanzitutto, esporta le parole chiave relative al tuo mercato, target o prodotto. Poi, con l’aiuto di una macro se volete o semplicemente a mano, potrai ordinare queste espressioni per categoria di intenzione di ricerca (informativa, di navigazione, commerciale o transazionale) in base ai termini utilizzati (testandoli su Google): se la query contiene “comprare” è “commerciale”, se contiene una località è “transazionale”, se contiene “come” è “informativa” e, infine, se l’utente sta cercando una risorsa specifica come “trenitalia” o “linkedin” è navigazionale. Questo metodo semplice ed efficace ti permetterà di completare l’analisi iniziata con gli altri strumenti SEO. Naturalmente dovrai adattare questa formula al marchio e al tipo di prodotto e soprattutto testare sempre con Google l’intento di ricerca attribuito a ogni query. Avendo scoperto l’intento di ricerca previsto per la SERP e l’intento dietro una parola chiave, possiamo ora indirizzare il giusto tipo di contenuto per ogni intento di ricerca.

Come puoi indirizzare correttamente l’intento di ricerca SEO?

Capire e conoscere l’intento di ricerca è utile solo se si adattano i contenuti. Ci sono diversi modi per rispondere all’intenzione, sia in termini di contenuto che di forma.

Variare il contenuto

La tua strategia editoriale è probabilmente composta da diversi tipi di contenuti: post sul blog, video, infografiche. Questo è un aspetto positivo, poiché la ricerca di varietà nei contenuti ti consentirà di raggiungere e rispondere all’intenzione di ricerca in modo appropriato. Un utente di Internet la cui query a coda lunga contiene la parola “come”, “fare” o altri verbi d’azione non si aspetterà necessariamente un video promozionale del vostro prodotto, ma piuttosto un tutorial o una guida all’uso del prodotto in questione.

Se la domanda del tuo utente contiene l’espressione “opinione” o “contro”, perché non proporre una tabella comparativa di prodotti/servizi? Dovete quindi concentrare i contenuti sui vantaggi del prodotto/servizio e sul suo valore aggiunto rispetto ai concorrenti.

Se l’utente formula una query come “compra”, “acquista”, è molto probabile che voglia trovare una scheda prodotto. Infine, per una query come “infografica” o “diagrammi”, l’utente vorrà immediatamente ottenere un’immagine o un altro contenuto visivo.

In ogni caso, l’algoritmo di Google è abbastanza ben progettato e tende già a mostrare il tipo di contenuto più adatto alla ricerca dell’utente.

Valore aggiunto dei contenuti

Lavorare su articoli di approfondimento, indagare, studiare e cercare sempre di far progredire la conoscenza è importante per Google. Il valore aggiunto sta nelle novità. A Google piacciono i contenuti gerarchici, freschi e unici, ma anche le novità! Ecco perché oltre il 90% del traffico di ricerca mondiale proviene da Google.

Conclusione

Per concludere, abbiamo visto cos’è l’intento di ricerca e quanto sia importante come parte di una strategia SEO, e più in particolare per guidarti nella creazione di nuovi contenuti. Google sta lavorando per rendere l’intento di ricerca sempre più comprensibile per il suo motore di ricerca e il nuovo aggiornamento di Google BERT, che è il più importante degli ultimi 5 anni, lo dimostra ancora una volta. L’implementazione di questo nuovo algoritmo è in corso e dovrebbe riguardare circa il 10% delle query. L’obiettivo del motore di ricerca è quello di comprendere in modo ancora più preciso le combinazioni di parole chiave e le query long tail.

Per