datadriven

SEO data-driven: come funziona?

I contenuti SEO data-driven sono contenuti prodotti sulla base dei dati degli utenti che vengono raccolti, analizzati e interpretati per pianificare strategie editoriali e utili per ottenere backlink organici. Come si evolve il comportamento di ricerca? Qual è l’impatto sulle pagine dei risultati? In che modo la padronanza e la comprensione dei dati dei vostri utenti possono massimizzare il ROI delle vostre campagne di contenuti ottimizzati? Ecco un nuovo approccio editoriale: la produzione di contenuti SEO basati sui dati.

Integrare i dati nella SEO

Un luogo comune: la SEO è un’arte, non una scienza esatta. In realtà gli anni passano e gli strumenti si evolvono. Con le attuali conoscenze nel campo dell’informatica e dell’intelligenza artificiale siamo in grado di perfezionare le strategie SEO e le tattiche che mettiamo in atto. Per questo motivo si ricorre sempre più all’analisi dei dati per definire una strategia SEO globale: si parla di SEO data-driven.

In effetti, Google elabora quotidianamente una quantità monumentale di dati (non meno di 3,5 miliardi di query al giorno, secondo Internet Live Stats). A ciò si aggiunge la moltitudine di dati raccolti durante la navigazione di siti web e blog dai vari strumenti della galassia di Mountain View o da altre agenzie e società specializzate nel data mining. Sebbene sia umanamente impossibile per noi immaginare una tale massa di dati, essa è tuttavia interamente sfruttabile, una volta vagliata con gli strumenti appropriati.


Dalla SEO all’AEO, la metamorfosi dei motori di ricerca

Oggi, grazie agli sviluppi di Google in termini di comprensione linguistica, stiamo gradualmente passando da una logica SEO (Search Engine Optimization) a una AEO (Answer Engine Optimization). In effetti, le implementazioni e gli aggiornamenti degli algoritmi negli ultimi anni hanno contribuito a trasformare il motore di ricerca in un motore di risposte.

Intento di ricerca dell’utente

Alla fine del 2019, il rollout dell’algoritmo BERT ha suscitato grande scalpore in ambito SEO. Utilizzando tecniche di intelligenza artificiale e di apprendimento automatico, questo aggiornamento ha migliorato notevolmente la comprensione dell’intento di ricerca degli utenti. Di conseguenza, Google BERT ha permesso di offrire risultati più pertinenti in base al contesto di ricerca degli utenti, sia che si tratti di ricerca web, mobile o vocale.

Risultati arricchiti

I risultati di ricerca mirano a fornire agli utenti la risposta che Google ritiene più pertinente, evidenziando le informazioni importanti. Un risultato avanzato può includere recensioni, foto o prezzi, mentre un risultato tradizionale mostrerebbe solo titolo, URL e descrizione. In particolare, l’integrazione dei dati strutturati in una pagina aumenta le possibilità di apparire come risultato nella SERP. Si tratta di integrazioni di tag semantici che migliorano la comprensione di Google di contenuti specifici. Nella pagina dei risultati, l’elemento dei dati strutturati può essere presentato in modo specifico e adattato agli utenti di Internet. Se da un lato l’integrazione dei dati strutturati e la comparsa di risultati arricchiti nella SERP aumentano la pertinenza delle risposte per l’utente, dall’altro si tratta soprattutto di far sì che il vostro sito occupi visivamente spazio nella pagina dei risultati di ricerca e aumenti il vostro CTR (Click To Rate).

Ricerca vocale

Da qualche anno a questa parte, la ricerca vocale sta guadagnando terreno; Siri, Cortana, OK Google o Alexa sono tutti assistenti vocali utilizzati quotidianamente da circa 20 milioni di utenti solo in Italia! Secondo Google, il 27% delle ricerche globali viene attualmente effettuato con la ricerca vocale. Si tratta quindi di una vera e propria tendenza di fondo, che si sta evolvendo rapidamente. Inoltre, la ricerca vocale è la perfetta illustrazione della metamorfosi della SEO in AEO. Infatti, gli utenti di Internet che effettuano questo tipo di ricerca utilizzano il linguaggio naturale: “Che tempo fa a Roma?” La risposta deve essere unica!

Perché utilizzare i dati per produrre i vostri contenuti SEO?

La maggior parte degli sviluppi dei motori di ricerca mira a migliorare la comprensione del linguaggio per ottimizzare l’esperienza dell’utente. Lo dimostra l’introduzione, il 10 febbraio, dell’algoritmo “Passage Ranking”, che si concentra sul miglioramento dei risultati per le query a coda lunga. Grazie a questa nuova intelligenza artificiale, Google è in grado di comprendere meglio passaggi specifici all’interno di una pagina, al fine di portare alla luce informazioni “nascoste” rilevanti. Dal punto di vista umano, comprendiamo la necessità di scrivere contenuti pertinenti che rispondano alle aspettative e alle domande del pubblico di riferimento. Salite sul carro dei vincitori! L’analisi dei dati è utile in tutte le fasi della vostra strategia di contenuti ottimizzati per la SEO; dalla comprensione all’apprendimento, i vantaggi dei contenuti basati sui dati sono molteplici.

Definire e comprendere il proprio pubblico

Utilizzando gli strumenti di analisi, è possibile raccogliere una quantità impressionante di informazioni sul pubblico del sito, per definirlo meglio e comprenderne le esigenze e i comportamenti.

  • Chi sono i vostri utenti?
  • Dove vivono?
  • Cosa stanno cercando?
  • Come arrivano al vostro sito?
  • Come si orientano?
  • Su quali pagine passano più tempo?
  • Quali non sono di loro interesse?


Sono tutte domande a cui i dati vi permettono di rispondere, per personalizzare e affinare il vostro target, ma anche per definire una strategia di contenuti SEO efficace che risponda a obiettivi specifici.

Determinare i KPI rilevanti

La raccolta e l’analisi dei dati degli utenti è un ottimo modo per determinare i KPI più rilevanti per misurare le prestazioni della vostra strategia editoriale. Questi indicatori di performance sono legati agli obiettivi di business, visibilità o notorietà determinati dalla vostra azienda nell’ambito dell’implementazione della vostra strategia SEO. I dati raccolti sugli utenti di Internet vi permettono di rimanere coerenti e di definire efficacemente le vostre priorità. Infatti, ogni obiettivo ha un archivio di dati specifico che consente di decidere le azioni migliori per la campagna.

Offrire contenuti SEO ad alto valore aggiunto

Se interpretati correttamente, i dati degli utenti vi forniscono una conoscenza dettagliata del vostro pubblico. In questo modo, potete determinare le domande e le esigenze dei vostri utenti e offrire loro contenuti ad alto valore, perfettamente ottimizzati per la SEO. Inoltre, prendetevi la briga di adattare e variare i formati in base ai vostri obiettivi: contenuti smart, articoli di approfondimento, interviste o, perché no, video e podcast? In effetti, nell’ottica di passare dal motore di ricerca al motore di risposta, vediamo sempre più contenuti multimediali sotto forma di risultati, a seconda del tipo e del contesto della ricerca. La raccolta organica di backlink di domani non si baserà solo sul testo: siate creativi e audaci per sedurre il vostro target principale!

Massimizzate il vostro ROI

Creando contenuti perfettamente ottimizzati e orientati a soddisfare esigenze e obiettivi precisi stabiliti in precedenza, massimizzate il ROI (Return On Investment) della vostra strategia editoriale. Risparmiate tempo e denaro andando dritti al punto, definendo una strategia di contenuti ottimizzata basata sui dati concreti del vostro sito e sulle esperienze degli utenti.

Generazione di nuovi dati

Guidando una strategia di contenuti SEO basata sui dati, si crea un circolo virtuoso. I dati iniziali aiutano a definire il piano d’azione, che a sua volta genera nuovi dati da sfruttare sugli utenti. Così, invece di partire da un foglio bianco per ogni nuova campagna, i dati ottenuti permettono di conoscere i successi e le aree di miglioramento dei contenuti SEO. Sperimentate, analizzate, modificate la vostra strategia editoriale ed evolvete al ritmo dei vostri clienti.

5 consigli per un’efficace strategia di contenuti SEO basata sui dati

Lo sviluppo di un piano d’azione per sfruttare la vostra strategia di contenuti SEO con i dati degli utenti richiede alcuni passaggi chiave.

Definire gli obiettivi

Come già accennato, definire gli obiettivi della vostra campagna di contenuti SEO vi permetterà di non perdervi nel formato degli articoli e nelle informazioni da comunicare. Ogni obiettivo sarà accompagnato da una serie di dati rilevanti che vi forniranno tutte le informazioni necessarie, per dotare i vostri articoli di elementi differenzianti, che avranno un alto valore aggiunto per il vostro target.

Esecuzione di un’analisi dei metadati

L’interesse di una meta-analisi dei dati è quello di ottenere una panoramica il più possibile esaustiva del vostro sito e di quello dei vostri concorrenti. A tal fine, gli strumenti di Google come Analytics o Search Console vi forniranno informazioni preziose sui vostri visitatori e sul loro comportamento sulle pagine del vostro sito. Tuttavia, è necessario andare oltre la raccolta di dati sui contenuti SEO. Pertanto, dati come tutti i vostri URL posizionati nelle prime 3 pagine della SERP con informazioni relative al loro contenuto e al loro netlinking, ma anche informazioni provenienti da crawl o log, e LE prestazioni tecniche, sono risorse preziose da utilizzare.

Valutare le possibilità di successo in base a criteri specifici

Una strategia di contenuti SEO basata sui dati non consiste solo nel trovare un argomento e un approccio che attragga gli utenti. L’utilizzo dei dati è al centro del processo di produzione, attraverso la valutazione di diversi criteri, tra cui

  • possibilità di posizionamento sulla query
  • intenzione di ricerca
  • concorrenza
  • numero di backlink
  • autorità dei concorrenti
  • volume di parole necessario
  • campo semantico da sviluppare

Esistono molti strumenti che aiutano ad analizzare questi diversi parametri e a consigliare la facilità o addirittura la possibilità di posizionarsi su una query mirata. Ne sono un esempio SEMrush, UberSuggest, Optimiz Content, SEOQuantum e Yooda.

Soddisfare i criteri EAT

Nella sua ricerca dell’eccellenza e del miglioramento dell’esperienza dell’utente, Google tiene sempre più conto dei cosiddetti criteri EAT (Expertise – Authority – Trustworthiness). Quindi, affinché i vostri testi e contenuti siano considerati credibili agli occhi dei motori di ricerca e si posizionino meglio, è necessario soddisfare questi tre punti. Questo è particolarmente vero se il vostro sito si occupa di un settore sensibile come quello della salute, della legge o della finanza. Questi criteri EAT non dipendono solo dai contenuti, ma anche dalla vostra credibilità professionale. Per questo motivo è importante curare gli altri aspetti della SEO del vostro sito web, in particolare le campagne di link building.

Pianificare la produzione editoriale

Per pubblicare i vostri articoli nel momento più opportuno e non lasciarvi sopraffare, è essenziale pianificare la stesura dei vostri contenuti SEO. Per farlo, non c’è niente di meglio che stabilire un calendario editoriale esaustivo, che tenga conto di un numero massimo di parametri: argomento, natura del contenuto, obiettivo, persona, team responsabile, ecc. Questo strumento indispensabile vi permetterà di seguire con precisione la produzione e di analizzare meglio i KPI della vostra campagna nel tempo. Attenzione: se il calendario editoriale viene stabilito prima dell’inizio della strategia di contenuti SEO data-driven, deve comunque rimanere flessibile! In effetti, eventi intrinseci ed estrinseci possono sconvolgere questo programma, che dovete essere in grado di adattare in base alle vostre esigenze e nel tempo, per soddisfare le aspettative del vostro pubblico.

SEO guidata dai dati: il futuro della produzione di contenuti?

Visti i recenti sviluppi dei motori di ricerca e i loro sforzi per migliorare la comprensione degli utenti e delle loro intenzioni di ricerca, la produzione di contenuti SEO basati sui dati sembra avere un futuro brillante davanti a sé. Infatti, con la crescente quantità di contenuti disponibili sul web, solo una sottile analisi e comprensione dei dati e di ciò che essi rivelano sul vostro pubblico vi permetterà di distinguervi dalla concorrenza nel lungo termine. Allo stesso modo, le abitudini e i comportamenti della ricerca organica si evolvono alla velocità della luce; ciò che è vero oggi potrebbe non esserlo domani. L’unica cosa che rimane è il dato, testimone fattuale e imparziale di questi sconvolgimenti, la cui padronanza vi consentirà di mettere in atto una strategia di referenziazione naturale e il più possibile vicina ai vostri clienti. Se cerchi aiuto nello sviluppo di una strategia SEO basata sui dati contatta Ranking Road Italia.