Cerca
Close this search box.

Analisi dei log per la SEO: una risorsa per il tuo business

analisi log server seo
Indice

La SEO è una materia tecnica quanto affascinante: ogni singolo dato e stringa di codice ha un valore prezioso perché può essere sfruttato in ottica strategica. E, come diciamo sempre, una buona strategia SEO può portare a risultati straordinari in termini di posizionamento di un sito web, di visibilità e, di conseguenza, di aumento del fatturato.

Per ottimizzare un sito web per i motori di ricerca, c’è una una fonte di dati preziosa che ogni SEO deve conoscere e sfruttare: i log file. In questo articolo, parliamo di cos’è un log file, cosa ci dice, dove trovarlo, come analizzarlo e perché è utile alla SEO.

Cosa sono i log file?

I file log sono materia tecnica e fanno pensare a una serie di codici e numeri all’apparenza incomprensibili. Tuttavia, le informazioni contenute al loro interno sono estremamente preziose e la lettura di questi dati può aiutare a capire meglio il funzionamento di un sito e del suo ecosistema, con lo scopo di identificare e prevenire eventuali problemi.

Un log file è un file che registra le attività che avvengono su un server web. Ogni volta che un utente o un crawler (un programma che esplora il web) visita la pagina di un sito, il server genera una riga di testo che contiene informazioni come:

  • l’indirizzo IP del visitatore;
  • la data e l’ora della visita;
  • la richiesta HTTP (il metodo, l’URL e il protocollo usati);
  • lo status code (il codice che indica se la richiesta è andata a buon fine o meno);
  • la dimensione della risposta in byte;
  • il referer (l’URL da cui proviene il visitatore);
  • l’user agent (la stringa che identifica il tipo di browser o crawler usato).

Un esempio di log file può essere questo:

 


66.249.66.205 – – [18/Jan/2024:11:51:19 +0100] “GET /blog/analisi-log-file-seo HTTP/1.1” 200 12345 “https://www.google.com/search?q=analisi+log+file+seo” “Mozilla/5.0 (compatible; Googlebot/2.1; +http://www.google.com/bot.html)”

Nel linguaggio dei comuni mortali significa che il crawler di Google ha visitato la pagina /blog/analisi-log-file-seo del sito, usando il protocollo HTTP/1.1, ricevendo una risposta positiva (status code 200) di 12345 byte, provenendo da una ricerca su Google con la query “analisi log file seo”. Non è straordinario?!

Cosa ci dice un file log

Ogni file log ha una storia da raccontare. E mettendo insieme più file possiamo ricostruire una storia, il racconto di come un sito viene percepito e valutato dai motori di ricerca. Uno storytelling che ha come obiettivo individuare eventuali aree di miglioramento.

Un file log ci dice molte cose sulle performance del nostro sito web, come:

  • quali pagine sono state visitate e da chi (utenti o crawler);
  • quanto tempo è stato impiegato dal server per rispondere alle richieste;
  • quali pagine hanno generato errori o problemi (status code diversi da 200);
  • quali pagine sono state ignorate o saltate dai crawler;
  • quali pagine sono state indicizzate o no dai crawler;
  • quali sono le fonti di traffico del nostro sito (referer);
  • quali sono i dispositivi e i browser usati dai nostri visitatori (user agent);

 

Dove scovare i file log?

Come molte altre tipologie di dati al servizio della SEO, anche i file log sono una sorgente unica da cui attingere. Ma dove si trovano questi file?

I file log si trovano sul server web che ospita un sito. Per accedervi ovviamente è necessario avere i permessi di amministrazione del server.
Ogni file log può avere nomi diversi a seconda del tipo di server, ma solitamente si trovano in cartelle chiamate “logs” o “access_logs”. Questi file possono essere anche compressi o archiviati per risparmiare spazio, quindi prima di consultarli è necessario estrarli o decomprimerli.

 

Cos’è l’analisi dei log e a cosa serve

Adesso che conosciamo un pochino meglio i file log, cerchiamo di capire come condurre un’analisi e a cosa può portare a livello di utilità nella SEO.

L’analisi dei file log è una pratica importante per aumentare le performance del sito. Mostra come i motori di ricerca stanno esplorando il dominio e le sue pagine web e, in generale, ci fa sapere cosa sta succedendo al nostro intero sistema, dandoci una panoramica dettagliata degli eventi, anche quelli “negativi”.

L’analisi dei file di log è il processo che consente di esaminare e interpretare i dati contenuti in questi file, usando strumenti appositi. Per semplificare possiamo dire che l’analisi dei file di log serve a:

  • monitorare le performance di un sito web;
  • individuare e risolvere eventuali errori o problemi tecnici;
  • ottimizzare la struttura e la navigazione del sito;
  • migliorare l’esperienza utente e la conversione;
  • aumentare la visibilità e il ranking di un sito sui motori di ricerca

 

L’analisi dei file log è utile alla SEO?

È arrivato il momento di rispondere alla domanda fondamentale: l’analisi dei file log è utile alla SEO? Ovviamente la risposta è sì!

L’analisi dei file log è molto utile alla SEO, perché permette di capire come un sito viene esplorato e indicizzato dai crawler dei motori di ricerca e di ottimizzare i contenuti in base alle loro preferenze. Con l’analisi dei file log un SEO può:

  • scoprire quali pagine sono state visitate dai crawler e con quale frequenza;
  • verificare se ci sono pagine che non vengono raggiunte o indicizzate dai crawler;
  • identificare e rimuovere eventuali pagine duplicate o di scarsa qualità;
  • controllare se ci sono pagine che generano errori o reindirizzamenti;
  • valutare se il sito è veloce e reattivo;
  • ottimizzare il budget di crawl, ovvero la quantità di risorse che i crawler dedicano al sito;
  • migliorare la link building interna ed esterna.

L’analisi dei file log è una risorsa preziosa per qualsiasi business, perché aiuta a rendere il nostro sito web più performante, user-friendly e SEO-friendly. Se vuoi approfondire l’argomento e vuoi utilizzare l’analisi dei file log per la SEO sul tuo sito web, contattaci subito. Un nostro esperto SEO sarà felice di offrirti una consulenza personalizzata.

 

Quali strumenti usare per l’analisi del log del server?

  1. ELK Stack (Elasticsearch, Logstash, Kibana):
    • Elasticsearch: Un motore di ricerca e analisi dati distribuito.
    • Logstash: Un pipeline di elaborazione dei dati che ingesta i log da diverse fonti.
    • Kibana: Un’interfaccia web che fornisce una visualizzazione dei dati immagazzinati in Elasticsearch.
  2. Splunk:
    • Una piattaforma di analisi dei dati che consente di cercare, monitorare e analizzare i log del server.
  3. Graylog:
    • Un sistema di gestione dei log open-source che consente di raccogliere, indicizzare e analizzare i log in un’interfaccia web.
  4. Apache Chainsaw:
    • Un’applicazione open-source basata su Java per la visualizzazione e l’analisi dei log.
  5. AWStats:
    • Uno strumento di analisi dei log del server web che fornisce statistiche dettagliate sulla visualizzazione delle pagine, gli accessi degli utenti e altro ancora.
  6. LogParser (Microsoft):
    • Uno strumento di query e analisi dei log sviluppato da Microsoft per analizzare i log in vari formati.

 

Il tool SEO perfetto per l’analisi dei LOG

Screaming Frog SEO Log File Analyzer è uno strumento potente progettato per analizzare i file di log del server al fine di ottenere dettagliate informazioni sulle attività di crawling dei motori di ricerca.

Tra le sue caratteristiche principali, l’analisi del crawl consente di comprendere quali pagine del sito sono state visitate dai motori di ricerca, offrendo una visione dettagliata sugli errori di crawling, come i codici di stato HTTP 404, e identificando eventuali problemi che possono influire sulla visibilità del sito. Il tool fornisce anche una visualizzazione chiara dei bot dei motori di ricerca che hanno visitato il sito, oltre a monitorare le risorse come URL, pagine e immagini durante il processo di crawling.

Con rapporti dettagliati e grafici informativi, Screaming Frog facilita la comprensione delle attività di crawling nel tempo. Da notare che l’integrazione con Screaming Frog SEO Spider consente di ottenere una visione completa dell’indicizzazione e dell’ottimizzazione del sito, rendendo questo strumento prezioso per ottimizzare il sito web per i motori di ricerca e migliorarne complessivamente l’esperienza di indicizzazione.

 

Leggi anche...