Cerca
Close this search box.

Digitario

PageRank

page rank cos'è
Indice

Nel mondo della Search Engine Optimization (SEO), il PageRank è stato a lungo considerato un indicatore chiave per valutare l’efficacia di una strategia SEO, in particolare per quanto riguarda la costruzione di collegamenti tra siti web, backlink. Oggi il PageRank è raramente menzionato non perché sia meno importante, ma perché come vedremo non è più una metrica pubblica.

In questa guida, esploreremo in dettaglio l’algoritmo del Google PageRank e l’importanza che ha avuto e continua ad avere nel mondo della SEO.

 

Che cos’è il PageRank?

PageRank è un algoritmo sviluppato da Larry Page e Sergey Brin, i fondatori di Google, quando erano ancora studenti all’Università di Stanford. Questo algoritmo misura l’importanza delle pagine web basandosi sulla qualità e quantità dei collegamenti che puntano a esse. Essenzialmente, il PageRank considera i collegamenti in ingresso come voti, assegnando un punteggio maggiore alle pagine che ricevono collegamenti da altre pagine di alta qualità. In pratica, significa che più link di alta qualità puntano alla tua pagina, più alto sarà il tuo PageRank.

In passato, i SEO specialist potevano vedere il punteggio del PageRank di qualsiasi pagina web attraverso il Google Toolbar. Questo punteggio variava da 0 (PR0), che rappresentava pagine di bassa qualità, a 10 (PR10), che rappresentava pagine di massima autorità. Tuttavia, è importante notare che il PageRank funziona su una scala logaritmica e non lineare, il che significa che ogni aumento incrementale rappresenta un aumento in importanza.
Per intenderci, una pagina con PageRank 4 sarebbe considerata 25 volte più importante di una pagina con PageRank 2, non solo due.

 

Google PageRank: un po’ di storia…

Possiamo dire senza esagerare che il PageRank è la pietra angolare che ha fatto grande Google. Nel 1998, Larry Page e Sergey Brin pubblicarono The Anatomy of a Large-Scale Hypertextual Web Search Engine, un paper che per certi versi introduceva Google al mondo. Nell’articolo, il PageRank è menzionato come una parte essenziale dell’algoritmo di Google, che sfrutta la struttura dei collegamenti del web per calcolare un ranking di qualità per ogni pagina web.

Il primo brevetto del PageRank è stato depositato nel settembre 1998. L’idea chiave era che le pagine dovessero essere valutate in base alla popolarità dei loro collegamenti. Quindi, più collegamenti puntavano a una pagina, più alta era la sua classifica.

Nel 2000, Google ha lanciato la Google Toolbar, che è stata una delle tappe cruciali nella storia del PageRank. Questa toolbar ha permesso agli utenti di vedere il punteggio di PageRank di qualsiasi pagina web, innescando una corsa alla ricerca di collegamenti da pagine di alto PageRank. Di conseguenza, il PageRank è stato manipolato da alcuni SEO, con link piazzati in posizioni innaturali e spesso in grandi quantità.

 

Il brevetto PageRank e un suo possibile aggiornamento

Il brevetto originale del PageRank, registrato nel 1998, è scaduto nel 2018 e, in modo inaspettato per molti, non è stato rinnovato. Tuttavia, ciò non implica la fine del PageRank. Nel 2006 è stato presentato un nuovo brevetto, il quale sembrava voler apportare modifiche al PageRank originale.

Questo recente brevetto fa riferimento ai “siti seed” all’interno di insiemi di “seed affidabili,” che agiscono come punti di riferimento nel panorama web. Questo lascia intendere che il nuovo brevetto assegna un punteggio di classifica a una pagina web in base alla sua vicinanza a tali “siti seed.” Sebbene il brevetto non menzioni esplicitamente il PageRank, è stato interpretato dalla comunità SEO come una modifica del PageRank basata sulla prossimità ai “seed set” di siti.

 

La fine della Google Toolbar PageRank

Dopo quasi 15 anni, Google ha smesso di aggiornare la Google Toolbar PageRank, ritirandola completamente nel 2016. La ragione principale dietro questo ritiro è stata l’ossessione degli specialisti di SEO per il PageRank, che è diventato la tattica di SEO più blasonata.

Il problema principale del punteggio pubblico era che il PageRank era facilmente manipolabile. Senza questa visualizzazione, non esisteva un modo ufficiale per misurare l’autorità di una pagina web.

 

Come Funziona il PageRank?

Come abbiamo detto, l’algoritmo originale del PageRank si basava sull’idea che un collegamento da un sito web a un altro agisse come un voto di fiducia e autorità. Quindi, più collegamenti puntavano a una pagina, più essa doveva essere considerata affidabile e importante. Va considerato però che l’algoritmo originale non assegnava lo stesso peso a tutti i collegamenti.

Un altro aspetto importante da considerare è il concetto di “link juice, che possiamo intendere come il flusso di PageRank che passa da una pagina all’altra grazie al collegamento. Quando una pagina A linka a una pagina B, una parte del suo PageRank viene trasmessa a B, contribuendo così all’autorità della pagina B.

Nello specifico, quando una pagina A linka a una pagina B, una parte del suo PageRank viene trasmessa a B, contribuendo così all’autorità della pagina B.

Per calcolare il PageRank di una pagina, l’algoritmo utilizza la seguente formula:

PR(B) = (1-d) + d (PR(T1)/C(T1) + ... + PR(Tn)/C(Tn))

In questa formula, PR(B) rappresenta il PageRank della pagina B, PR(T1) attraverso PR(Tn) rappresentano il PageRank delle pagine che puntano a B, e C(T1) attraverso C(Tn) rappresentano il numero di collegamenti uscenti da queste pagine. Il valore d è il cosiddetto “damping factor,” di solito impostato a 0.85.

È importante notare che il PageRank è basato su una distribuzione di probabilità, il che significa che la somma di tutti i PageRank delle pagine web sarà sempre uguale a uno.

 

Fattori che Influenzano il PageRank

Il PageRank è influenzato da diversi fattori, alcuni dei quali hanno continuato ad avere un impatto anche nel presente. Ecco alcuni di questi fattori:

à di una pagina e normalizza il numero di collegamenti presenti su una pagina. In altre parole, non tutti i collegamenti sono considerati uguali, e i collegamenti da pagine più autorevoli hanno un peso maggiore rispetto a quelli da pagine meno autorevoli.

Un altro aspetto importante da considerare è il concetto di “link juice.” Questo si riferisce al flusso di PageRank che passa da una pagina all’altra attraverso i collegamenti. Quando una pagina A linka a una pagina B, una parte del suo PageRank viene trasmessa a B, contribuendo così all’autorità della pagina B.

Per calcolare il PageRank di una pagina, l’algoritmo utilizza la seguente formula:

scss
PR(B) = (1-d) + d (PR(T1)/C(T1) + ... + PR(Tn)/C(Tn))

In questa formula, PR(B) rappresenta il PageRank della pagina B, PR(T1) attraverso PR(Tn) rappresentano il PageRank delle pagine che puntano a B, e C(T1) attraverso C(Tn) rappresentano il numero di collegamenti uscenti da queste pagine. Il valore d è il cosiddetto “damping factor,” di solito impostato a 0.85.

È importante notare che il PageRank è basato su una distribuzione di probabilità, il che significa che la somma di tutti i PageRank delle pagine web sarà sempre uguale a uno.

Fattori che Influenzano il PageRank

Il PageRank è influenzato da diversi fattori, alcuni dei quali hanno continuato ad avere un impatto anche nel presente. Ecco alcuni di questi fattori:

Anchor Text

L’anchor text è il testo a cui è collegato un link. Nel passato, l’anchor text aveva un’influenza significativa sul posizionamento di una pagina. Tuttavia, l’abuso di questa pratica ha portato a un’azione più rigorosa di Google contro la manipolazione del testo di ancoraggio.

La Probabilità di Cliccare su un Link

La probabilità che un link venga cliccato è un importante influenzatore del PageRank. Questo concetto è stato introdotto dal brevetto “reasonable surfer” di Google nel 2004. Esso stabilisce che non tutti i link sono ugualmente probabili di essere cliccati. I link in alto e quindi in posizioni prominenti, come il contenuto principale di una pagina, sono più propensi a essere cliccati e quindi trasmettono più “link juice.”

Link Interni

I link interni sono i collegamenti tra le pagine del tuo stesso sito web. Una struttura di collegamenti interni ben definita può aiutare a distribuire il PageRank all’interno del tuo sito web in modo efficace. Inoltre, i collegamenti interni possono essere utilizzati per fornire autorità a pagine isolate, che altrimenti potrebbero essere trascurate.

Collegamenti Nofollow

I collegamenti nofollow sono collegamenti che includono l’attributo “nofollow.” Originariamente, questi collegamenti non trasmettevano il PageRank. Tuttavia, Google ha cambiato il trattamento di questi collegamenti nel 2019, trattandoli come “suggerimenti.” In altre parole, Google decide se far passare o meno il PageRank attraverso questi collegamenti.

 

Perché il PageRank è Ancora Importante

Nonostante il fatto che non esista più una toolbar che fornisca il punteggio di PageRank di una pagina, ciò non significa che il PageRank non sia più rilevante. Nel 2017, Gary Illyes di Google ha confermato su Twitter che l’algoritmo utilizza ancora il PageRank. Questa affermazione è stata confermata anche nel 2020 da John Mueller di Google.

Sicuramente il PageRank è mutato rispetto alla sua struttura originaria. Come scritto da Matt Cutts di Google nel 2009, “sebbene lo chiamiamo ancora PageRank, la capacità di Google di calcolare la reputazione basata sui collegamenti è avanzata considerevolmente nel corso degli anni.”

Il PageRank non è mai scomparso, ma è evoluto con il tempo. Comprendere come funziona il PageRank e i fattori che lo influenzano può aiutarti a essere un miglior specialista di SEO.