Cerca
Close this search box.

Digitario

SXO

Indice

Cos’è l’SXO?

In breve, l’ottimizzazione dell’esperienza di ricerca è una combinazione di ottimizzazione per i motori di ricerca e ottimizzazione del tasso di conversione, ma è una spiegazione fin troppo semplice.

Come suggerisce il nome, enfatizza l’esperienza di ricerca complessiva dell’utente. Tuttavia, diamo prima un’occhiata alle sovrapposizioni tra questi pezzi.

Nel seguente diagramma di Venn, è chiaro che né tutti i SEO né tutti i CRO avranno un effetto diretto sull’esperienza di ricerca percepibile dell’utente. Per capire meglio dove esiste la demarcazione, dobbiamo definire l’ottimizzazione dell’esperienza di ricerca (SXO).

Definizione SSO

SXO (Search eXperience Optimization) è l’uso di varie tecniche per ottimizzare l’esperienza dell’utente, dalla ricerca alla conversione.
In altre parole, l’utente deve essere in grado di trovare risultati pertinenti e mirati per la sua ricerca, navigare facilmente verso il prodotto, il servizio o le informazioni fornite nella pagina, comprenderlo e raggiungere lo scopo della sua ricerca. La loro esperienza è stata ottimizzata, in tutti i sensi, per l’utente, per il motore di ricerca e per il proprietario del sito.

SXO è la prossima evoluzione del SEO?

L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) si basa su algoritmi creati da robot di ricerca automatizzati, che sono software che eseguono manualmente la scansione di Internet. Tuttavia, mentre questi programmi sono incredibilmente bravi a raccogliere informazioni, non saranno mai in grado di simulare l’esperienza di ricerca di un utente in carne e ossa. Non è possibile per Google creare un algoritmo basato sul feedback aneddotico di miliardi di singoli utenti. Di conseguenza, un’ideologia “aiutaci ad aiutarti” è emersa all’interno dei principali motori di ricerca come studio di UX USER EXesperienza utente (UX) si scontra con la SEO per creare una nuova area di studio, SXO o Search Experience Optimization. La SEO si concentra sull’assegnazione di priorità ai risultati di ricerca, ai tassi di conversione e all’obiettivo finale di arrivare a un sito web mentre SXO si concentra sul miglioramento del processo di ricerca stesso dal punto di vista dell’utente.

SXO: Search Marketing con una dimensione UX

SXO è il processo di miglioramento del UX USER EXesperienza utente di un motore di ricerca. Tuttavia, mentre la UX tradizionale si concentra sul miglioramento dei tassi di conversione degli utenti (acquisti, abbonati, ecc.) semplificando la loro esperienza, rispetto a SXO, tali metriche sono irrilevanti. Questo perché SXO si concentra sugli utenti di un motore di ricerca gratuito, non su un cliente. Poiché i motori di ricerca come Google non vendono beni direttamente, lo scopo principale del motore di ricerca è quello di rigurgitare le informazioni a cui si collega nella forma e nell’ordine più efficaci per l’utente. Pertanto, meno un utente interagisce con il motore di ricerca, migliore è la sua esperienza (ad esempio, il primo link che fai clic sulla tua prima ricerca fornisce le informazioni esatte o il contenuto che stavi cercando).

Questo può sembrare ridurre la velocità di visualizzazione del tuo sito web , ma migliorando la precisione di un motore di ricerca, puoi ridurre il disordine di oltre un miliardo di altri siti online. Questo è un tentativo di dare la migliore forma possibile al motore di ricerca, il che significa che i siti Web che si basano su tecniche SEO black hat stanno diventando sempre meno praticabili. Ecco alcuni consigli su come ottimizzare il tuo sito web per l’ultima evoluzione nella ricerca guidata da UX.

Bonus per intenzione di ricerca in un approccio SXO

Mi sono ritrovato a fare domande a Google innumerevoli volte. Ogni volta che mi chiedo se il codice di un motore di ricerca può comprendere la semantica del fraseggio naturale? O sono solo le parole chiave che contano? SXO sta iniziando a modificare i risultati di ricerca mentre due tendenze concorrenti si evolvono all’interno della comunità digitale. Uno è per conto di utenti che sono sempre più a loro agio con le funzionalità dei motori di ricerca come Google.

L’altra tendenza è che gli sviluppatori ricercano, sviluppano e implementano sempre più algoritmi più intuitivi nei loro motori di ricerca. Questi due si scontrano quando si considera come la natura delle query di ricerca si stia allontanando da termini autonomi come “pneumatici invernali” o “batteria del laptop estesa” verso una semantica più intuitiva sotto forma di domande. Il modo più conveniente per gli utenti di cercare è più simile a “Quali sono i migliori pneumatici invernali per una Subaru Outback” o “Quale laptop ha la durata della batteria più lunga?” Google ha risposto rapidamente a questa ricerca basata su sondaggi con la maggiore importanza delle caselle di risposta di Google e l’integrazione della ricerca vocale su tutte le piattaforme di Google. Le informazioni visualizzate in queste caselle di risposta sono i primi risultati notati dall’utente e come tali sono la migliore posizione possibile per la tua azienda da occupare.

MobileFocus

La ricerca mobile ha ufficialmente superato le ricerche desktop. Anche se le stesse informazioni vengono visualizzate su entrambi i dispositivi, assicurati che il tuo sito web è ottimizzato per dispositivi mobili che può essere facilmente ottenuto incorporando un design reattivo che oltre a migliorare il UX USER EXesperienza utente fornisce un significativo miglioramento SEO.

Gli utenti mobili spesso devono preoccuparsi dei limiti di utilizzo dei dati. Inoltre, gli utenti mobili non hanno accesso alla stessa larghezza di banda degli utenti desktop, il che può portare a tempi di caricamento della pagina molto più lenti se il tuo sito web è particolarmente pesante sui dati e non è ottimizzato per i dispositivi mobili. Evita animazioni multiple e immagini o video ad alta risoluzione inutilmente in quanto ciò ritarderà notevolmente il tempo di caricamento del tuo file sito web . Prendi in considerazione un design minimalista per un aspetto pulito e tempi di caricamento più rapidi.

Le misure del UX USER EXesperienza utente

Questo è l’aspetto più pesante della tua presenza digitale. Assicurati di essere sempre a conoscenza dei tuoi dati (gratuiti) disponibili su Google Analytics . Guarda oltre il tempo di caricamento dei dispositivi mobili e i contenuti sul sito per determinare in che modo i tuoi utenti interagiscono con il sito web studiando parametri come il tempo trascorso sul sito, il bounce rating – tasso di rimbalzo , pagine per visita, tasso di visitatori di ritorno e conversioni. Dopo aver identificato le minacce al tuo progetto sito web risolvi i problemi del tuo layout utilizzando i test A/B e chiedi il feedback dei consumatori.

Ogni ricerca coinvolge più parti di informazioni che possono o meno essere rilevanti, a seconda delle particolari esigenze dell’individuo. Ad esempio, durante la ricerca di “Jaguar”, l’utente potrebbe cercare informazioni relative all’animale, alla marca dell’auto, al film… Man mano che sempre più utenti fanno domande specifiche su Google, invece di limitarsi a inserire parole chiave, questo rischio di fornire informazioni irrilevanti è ridotto. Tuttavia, ricordati di tenerti aggiornato con le parole chiave più pertinenti per la tua attività utilizzando Google Search Console .

Google tiene traccia anche di analisi simili per l’attività dei motori di ricerca. Studiando il comportamento dei clic, è possibile comprendere meglio come le persone cercano informazioni e l’efficacia di ogni ricerca. Ciascuno di questi fattori influenzerà il valore SEO del tuo sito web in base all’attività dell’utente:

Clic breve: un “clic breve” è un rapido ritorno di a sito web a Google. È chiaro che un ritorno molto rapido non è un buon segnale.
Clic lungo: si tratta di un lungo ritardo prima che l’utente ritorni su Google. Più lungo è, meglio è.
Pogosticking: questo è quando un ricercatore va avanti e indietro tra più risultati di ricerca.
Click-through rate: La frequenza con cui gli utenti cliccano su un determinato risultato rispetto alla frequenza con cui viene visualizzato (espressa in percentuale).
Fare clic su Avanti: cosa fa clic un utente dopo essere tornato su Google (facendo clic su un elenco di ricerca esistente o eseguendo una nuova ricerca).
Ricerca successiva: quando un utente passa a una nuova ricerca.
Percentuale di clic sulla seconda ricerca: quando una pagina precedente viene elevata a causa di una ricerca personalizzata e/o di un clic precedente.

Insomma, l’algoritmo SEO di Google continua a diventare sempre più complesso e le nozioni comportamentali legate alla UX sono più che mai integrate nei criteri di ranking SEO.

Vuoi saperne di più sul nostro
servizi di referenziazione naturale?

Scopri la nostra agenzia SEO!